Straniero tra la follaMovimento Psicospirituale

Straniero tra la folla - Cap. 2

Partendo dai presupposti descritti nel precedente capitolo, i terapeuti che sono disponibili ad un sincero ascolto di se stessi evolvono in un progressivo cambiamento del loro approccio, arrivando pian piano a normalizzare il loro modo di lavorare. Intendo dire, a fare diventare sempre più normali le relazioni con i loro pazienti, senza per questo diminuire di efficacia e di professionalità. Al contrario, acquisiscono un plus valore rispetto alla possibilità di fornire un modo autentico di rapportarsi con la vita.

Movimento Psicospirituale
 
Straniero tra la folla - Cap. 20
 
La fede è la fiducia nelle persone e nella vita. In termini spirituali si basa sulla fiducia in un Dio amorevole. In termini religiosi si fonda sulla fiducia nella Chiesa. In termini psicospirituali si sviluppa e cresce con l’intuizione e come dono affiancata all’esperienza. Tutto dipende quindi dalla nostra visione: ne deriva che abbiamo da prenderci cura della nostra visione della vita piuttosto che subirla passivamente come se non fosse nostra. La nostra psicologia è strettamente connessa con la nostra spiritualità. La questione quindi da psicologica o religiosa diventa quindi sempre psicospirituale.
 
E' un'ipotesi in cui crediamo molto, per questo motivo continuiamo umilmente, ma con fermezza e determinazione, a parlarne in tutti i modo possibili. Non è il parlarne però che potrà modificare le cose, ma l’esperienza individuale che ciascuno può liberamente fare, se lo desidera. L’impegno per la meditazione o per il lavoro psicologico è un impegno che uno prende con se stesso e per se stesso, solo dopo può essere messo al servizio degli altri.

Straniero tra la folla

Movimento Psicospirituale

Straniero tra la folla - Cap. 22

Assumere un ruolo, perdere un ruolo, assumere un’identità, perdere un’identità, cercare di essere migliori, essere visti come peggiori, tutto ruota intorno ad un’idea superficiale piuttosto che ad una condizione profonda. Questo perché la condizione interiore profonda è quella che ci riguarda da vicino, mentre le identità ed i ruoli sono manifestazioni  temporanee del nostro essere. Non che le forme non siano importanti, ma non sempre esprimono in modo autentico chi siamo veramente.

Secondo la teoria della Gestalt, per comprendere il mondo circostante si tende a identificarvi forme: buona forma, prossimità, somiglianza, buona continuità, destino comune, figura-sfondo, movimento indotto, pregnanza. La materia che si condensa e forma un essere vivente deve assumere una “forma” per esistere, lo stesso la nostra psiche. Però dobbiamo stare attenti, perché è come acquistare un’auto per fare un viaggio: quello che conta è il viaggio e non il tipo di macchina. Il viaggio della nostra vita, in quale forma abbiamo la possibilità di farlo ed abbiamo deciso di farlo?

Straniero tra la folla

Movimento Psicospirituale

Straniero tra la folla - Cap. 21

Libertà e sogno non sono in contrasto con concretezza e responsabilità: mettere un limite all’esplorazione e impedire l’esperienza soggettiva mediante il controllo delle menti, secondo il nostro punto di vista, è un pregiudizio che limita la crescita interiore delle persone.

Nelle quattro tipologie descritte nel cap. 19, il  terapeuta psicospirituale che accompagna al vero Sé e il sacerdote amorevole che accompagna alla scoperta della misericordia di Dio, sono le due figure che possono dialogare più costruttivamente. La frequenza maggiore però probabilmente la troviamo rappresentata da terapeuti laici che favoriscono l’esplorazione escludendo la spiritualità e da sacerdoti moralisti che invitano a non esplorare ma a fidarsi degli insegnamenti. Ed è per questo che il dialogo sul tema psicospirituale tarda ad iniziare. Si rimane purtroppo su posizioni contrapposte.

Straniero tra la folla

Movimento Psicospirituale

Straniero tra la folla - Cap. 23

Come uno straniero tra la folla, osservo e cammino, ascolto e sento. Tutto è possibile ed anche il contrario, siamo noi che valutiamo e facciamo una scelta. Sei tu che conduci la tua vita, sono io che mi ascolto per sapere come mi sento con te. Sono io che faccio le mie scelte, sei tu che valuti come ti senti con me. Il gioco delle relazioni continua all’infinito ed è l’essenza del nostro esistere, tutto ruota intorno al nostro modo di percepire noi stessi e l’altro nelle relazioni. Tutto si compie o fallisce sulla base della mia appartenenza o la mia separazione da un sistema relazionale.

Secondo il modello Sistemico Relazionale il disagio personale nasce nel sistema familiare non sufficientemente adeguato allo sviluppo delle potenzialità dei singoli individui e si cura mediante l’analisi dei “triangoli relazionali” presenti in quel sistema. Il triangolo è quindi la cellula fondamentale nel quale si sviluppa la nostra psicologia e di conseguenza anche la nostra psicospiritualità. Del resto ciascun essere umano esiste per l’unione di due persone e porta in sé, per sempre, questo indelebile bisogno: quello di vedere come due persone interagiscono tra loro e come interagiscono in rapporto con sé. Io e te, quindi siamo in tre, perché portiamo nel nostro inconscio questa fondamentale matrice esistenziale: anche quando siamo da soli cerchiamo sempre il come rapportarci in una dimensione triangolare.

Che cosa facciamo

  • Psicoterapia individuale e sistemica
  • Psichiatria
  • Meditazione silenziosa
  • Gruppi Sales
  • Cammino Psicospirituale
  • Mediazione dei conflitti
  • Counseling

Chi siamo?

Siamo un gruppo di professionisti e di volontari

uniti in una RETE di relazioni d'aiuto che integrano

le loro competenze per un comune intento:

la crescita interiore delle persone.

Contatti

Centro Poiesis
  Via dei Giudicati 22 - Cagliari - 2° P

070.504.604 - 327.2297626

info@movimentopsicospirituale.org

 http://www.centropoiesis.info