Ombretta Ercolani

Movimento Psicospirituale

Straniero tra la folla - Cap. 3

Ebbene, alcune considerazioni dei precedenti capitoli potrebbero aprirci la strada verso la comprensione delle innumerevoli modalità di fornire sostegno e crescita alla persona che cerca aiuto. Ne abbiamo già tante, perché confonderci cercandone sempre e continuamente delle altre?

Intanto dobbiamo ricordare che nessuno può determinare un cambiamento nell’altro. Se questo cambiamento avviene è sempre ad opera della persona stessa che chiede aiuto e non del terapeuta. Ma il terapeuta potrebbe e dovrebbe essere l’occasione adatta per  iniziare a farlo o, perlomeno, per ipotizzare di farlo. Abbiamo bisogno quindi di occuparci dell’altro pur non potendolo condizionare, ma agendo perché esso stesso trovi senso nel suo cambiamento.

Straniero tra la folla

Movimento Psicospirituale

Straniero tra la folla - Cap. 30

Sono io che amo, la mia missione, la mia vita, mia madre, mio fratello, mio figlio, il mio prossimo, il mio uomo, la mia compagna, mio padre. L’amore sgorga da dentro e rende sublime il mio esistere, preziosa la mia esistenza, meraviglioso il mio cammino. Nell’amore tutto va bene mentre nulla è a posto. In questa terra molte cose non vanno come dovrebbero e la vita appare a volte assurda: l’amore stenta a venir fuori, ma quando questo accade tutto diventa delizioso. L’amore lo viviamo quando la nostra sensibilità è diventata così grande che guardiamo l’altro e capiamo la sua condizione umana, quando riusciamo a vederlo: essere visti è anche essere amati. L’amore è quando guardiamo noi stessi e capiamo la nostra storia. Il bisogno di esistere e di essere amati infatti non dipende dal merito, ma dal fatto di essere vivi.

Straniero tra la folla

Movimento Psicospirituale

Straniero tra la folla - Cap. 32

Più in fondo di tutto e al di là di tutte le nostre dinamiche psicologiche c’è il nostro vero Sé. La nostra vera natura sarebbe psicospirituale in un corpo fisico. Perché rifiutarci di riconoscere la nostra vera natura?

Un pensiero che mi viene è cosa ne sarà di me, di te, di noi, quando non potrò più manifestarmi con il corpo e quando non sarò più nella mia psicologia. L’aldilà, nonostante gli insegnamenti ricevuti, rimane sempre e comunque un mistero grande. Nel frattempo è urgente continuare a vivere, finché siamo in questa vita.

I pensieri, posso scriverli e tu puoi leggerli in conseguenza del fatto che siamo nati e abbiamo superato un lungo tirocinio di formazione e maturazione del nostro sistema nervoso che rende possibili le nostre funzioni e relazioni. Senza sistema nervoso niente relazione tra noi? Parliamone, adesso, è importante.

Straniero tra la folla

Movimento Psicospirituale

Straniero tra la folla - Cap. 31

Amore e sessualità sono collegati nella misura in cui la nostra psicologia non è neutra, ma sempre psico-sessuata. Non esiste una psicologia scollegata da un modo di percepire la realtà in modo maschile o femminile. Siamo tutti quindi meravigliosamente e irrimediabilmente psico-sessuati. Ne aveva parlato anche Freud spiegando il concetto della energia libidica presente in tutte le attività umane. Il punto è che non esiste solo la personalità collegata alla psicobiologia ma esiste anche la personalità collegata alla psicospiritualità. Mente, corpo, anima sono un’entità unica nella vita terrena e tutto è vissuto con il corpo: è fondamentale quindi integrare il nostro essere anziché frammentarlo. Abbiamo bisogno di  capire il collegamento tra i diversi elementi costitutivi del nostro essere e vederne la continuità.

Straniero tra la follaMovimento Psicospirituale

Straniero tra la folla - Cap. 4

Cosa abbiamo ora, io e te, di più importante di cui occuparci? Non è facile rispondere se prima non abbiamo fatto quanto possibile per entrare nel nostro presente, con tutto noi stessi. Voglio essere qui, non solo con il mio corpo, non solo con una parte della mia mente. Voglio prima di tutto essere qui, con te, ora, con tutto me stesso.

E’ per questo che iniziare un nuovo colloquio dovrebbe essere sempre una grande emozione, per entrambi. Perché inizia qualcosa di inedito e profondamente reale. Essere nel presente non vuol dire occuparsi solo di quello che c’è, ma anche e soprattutto di quello che non si vede ma che si sente, che grida dentro. Significa unire presente e passato e riconnettere finalmente ciò che è rimasto scisso e non elaborato e che agisce, a mia insaputa, qui, adesso.

Che cosa facciamo

  • Psicoterapia individuale e sistemica
  • Psichiatria
  • Meditazione silenziosa
  • Gruppi Sales
  • Cammino Psicospirituale
  • Mediazione dei conflitti
  • Counseling

Chi siamo?

Siamo un gruppo di professionisti e di volontari

uniti in una RETE di relazioni d'aiuto che integrano

le loro competenze per un comune intento:

la crescita interiore delle persone.

Contatti

Centro Poiesis
  Via dei Giudicati 22 - Cagliari - 2° P

070.504.604 - 327.2297626

info@movimentopsicospirituale.org

 http://www.centropoiesis.info